Abruzzo: ricostruire dopo il terremoto

Posted on 10 dicembre 2012

0


Che cosa può fare il mondo accademico per la ricostruzione di un territorio? Un convegno a Firenze, in programma il 12 dicembre, ripercorre il contributo che l’Università di Firenze e la Regione Toscana hanno dato alla ricostruzione di Castelnuovo, un Comune abruzzese in provincia di L’Aquila. Sempre nell’ambito del convegno si parlerà anche della situazione dell’Emilia, con gli interventi di Carla Ferrari (architetto), Alberto Silvestri (sindaco di San Felice sul Panaro) e Claudio Broglia (sindaco di Crevalcore).

di Riccardo Rimondi

Il 12 dicembre, a Firenze, si svolgerà un convegno organizzato dalla Regione Toscana e dall’Università di Firenze: lo scopo è quello di dare evidenza all’attività svolta dall’Università di Firenze – in particolare dal Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale  e dal Dipartimento di Architettura – nell’ambito del processo di ricostruzione dell’Abruzzo. Negli anni 2010-2011 la Regione Toscana aveva supportato l’impegno profuso dall’Università di Firenze erogando borse di studio per la formazione e la qualificazione dei laureandi. Il convegno si occuperà principalmente di ripercorrere il percorso seguito dal gruppo di lavoro dei due Dipartimenti: verrà infatti presentato il piano di ricostruzione di Castelnuovo, articolato nelle due fasi di analisi e progetto. A seguire, parte della giornata sarà dedicata al terremoto in Emilia. Carla Ferrari, architetto che ha collaborato anche con ricostruiremeglio, evidenzierà le modalità e le esigenze della ricostruzione; i sindaci Alberto Silvestri e Claudio Broglia, invece, racconteranno l’esperienza dei loro rispettivi Comuni, San Felice sul Panaro e Crevalcore.

Il programma

“Ricostruire: dove e come”, di Carla Ferrari, Giuseppe Campos Venuti e Margherita Russo

Advertisements