aderisci al progetto?

Se vuoi collaborare al progetto “ricostruire meglio”, lascia  il tuo nome nel “Commento”: ti verrà chiesto di indicare alcuni dati e poi la tua partecipazione sarà registrata da chi amministra il blog nella settimana. grazie

Annunci
28 Responses “aderisci al progetto?” →

  1. Liliana Baculo

    23 giugno 2012

    L’esperienza del terremoto in Campania ha mostrato un fenomeno molto grave legato alla consistente quantità di risorse finanziarie. Queste, infatti, hanno attratto criminalità (nel settore edilizio) e hanno comportato maggiore corruzione. Promuovere la ricostruzione basandosi sulle persone e sugli attori locali può significare avere anche un controllo su questo possibile rischio. E’ molto importante la trasparenza e l’informazione di tutte le attività promosse.

    Rispondi

  2. Patrizia Dogliani

    25 giugno 2012

    Mi iscrivo con grande interesse ed entusiasmo al progetto. Patrizia Dogliani, docente dell’Università di Bologna

    Rispondi

    • Liliana Baculo

      25 giugno 2012

      Mi iscrivo con interesse al progetto. Liliana Baculo, (in pensione ) da Università Federico II Napoli

      Rispondi
  3. Mi iscrivo al progetto.
    Anna Natali [AN], politiche di sviluppo, Bologna

    Rispondi

  4. Margherita Russo

    25 giugno 2012

    Mi iscrivo al progetto.
    Paolo Silvestri – Capp (UniMORE)

    Rispondi

  5. Mario Cerè

    26 giugno 2012

    Mi iscrivo al progetto.
    Mario Cerè- Regione Emilia Romgna

    Rispondi

  6. Enrico Giovannetti

    27 giugno 2012

    Il punto che costituisce la vera chiave del documento “ricostruire meglio” credo sia: coinvolgere i giovani in modo da costruire una cerniera tra passato e futuro. In tutte le occasioni in cui mi sono trovato ad intervenire, parlando di giovani, ho sempre riproposto la ricostituzione di un periodo obbligatorio per tutti di servizio civile, senza alcuna eccezione (compresi i portatori di handicap, o di ragazzi immigrati senza cittadinanza). L’ immagine dei ragazzi di Genova durante l’alluvione mi ha confermato in modo drammatico dell’urgenza di intervenire in questa direzione, soprattutto in un paese dove circa il 30% di giovani “galleggia” senza alcuna prospettiva: si immagini che elemento propulsivo può rappresentare un processo che fa lavorare e vivere insieme, anno, dopo anno, mezzo milione di giovani italiani (possibilmente lontani dalle famiglie) imparando ad intervenire sull’ambiente, sapendo come agire nelle situazioni di emergenza, imparando a prendersi cura dei molti beni comuni acciaccati del nostro paese. La proposta è dunque quella di un “Piano del Lavoro” destinato a mobilitare tutte le competenze/passioni giovanili (soprattutto quelle allo stato potenziale) per monitorare il territorio, (ri)conoscerlo, (ri)tracciarlo dando significato storico agli effetti della buona e cattiva impresa, quindi, essere protagonisti diretti nel (ri)costruire quella memoria condivisa così necessaria per selezionare i comportamenti virtuosi: il “capitale” fisico si può costruire in modi diversi, ma non mi viene in mente niente di meglio come esempio di ricostruzione del capitale sociale (in fondo l’aggettivo “meglio” corrisponde al sostantivo “capitale sociale”).

    Rispondi
  7. Aderisco con molto interesse al progetto. Maddalena Vianello Officina Emilia_Università di Modena e Reggio Emilia

    Rispondi
  8. Aderisco con molto interesse. Federica Rossi, Birkbeck College, University of London

    Rispondi

  9. Annalisa Caloffi

    3 luglio 2012

    Aderisco con grande interesse al progetto. Annalisa Caloffi, Università di Padova

    Rispondi

  10. paolo bertossi

    5 luglio 2012

    Aderisco al progetto.
    paolo bertossi, forse BP se PB è già Paolo Bosi…

    Rispondi

  11. Marina Vignola

    11 luglio 2012

    Aderisco al progetto
    Marina Vignola, Università di Modena e Reggio Emilia, consigliere provinciale Modena

    Rispondi

  12. Tindara

    11 luglio 2012

    Aderisco al progetto come economista per ricostruire a partire da un concetto nuovo di ben essere che costituisca anche per chi non è direttamente coinvolto da questa terribile esperienza un nuovo modello di sviluppo. Ho abitato per tanti anni una cittadina dolorosamente segnata dal terremoto. Troveremo, ne sono certa, nel suo cittadino più famoso un esempio anche in questo difficile momento. Ricordo infatti che Pico della Mirandola era noto come la Fenice degli Ingegni e la Fenice sappiamo risorge dalle sue ceneri! Tindara Addabbo – Università di Modena e Reggio Emilia – Well_B_Lab* – http://www.wellblab.it

    Rispondi

  13. lina calandra

    11 luglio 2012

    Aderisco al progetto. Lina Calandra, geografa, Università dell’Aquila

    Rispondi

  14. Giorgio Siena

    12 luglio 2012

    Aderisco al progetto
    Giorgio Siena, consigliere Provinciale eletto a Mirandola e dirigente scolastico IIS G. Luosi di MIrandola

    Rispondi

  15. Giuseppe Morrone

    13 luglio 2012

    Aderisco convintamente al progetto, sia come dirigente politico che come studioso attento alla contaminazione interdisciplinari tra i saperi nella risoluzione di problemi concreti.
    Giuseppe Morrone, Coordinatore Federale Sinistra Ecologia Libertà (SEL) Modena

    Rispondi
  16. Aderisco al progetto
    Arch. Mara Pivetti
    Responsabile Ufficio Censimento Danni COV Comune di Novi di Modena

    Rispondi
  17. Aderisco al progetto e segnalo che l’edizione di quest’anno degli Incontri di Artimino sullo sviluppo locale [8 – 10 Ottobre] ospiterà, Mercoledì 10 Ottobre alle 9.30 una sessione dal titolo “Salviamo i distretti emiliani”, grazie all’iniziativa di Margherita Russo, Giacomo Becattini e Marco Bellandi. Tra pochi giorni sul sito degli Incontri sarà pubblicato il programma [http://www.incontridiartimino.it/].

    Rispondi
  18. Aderisco con piacere al progetto
    Giovanna Badalassi, Presidente Well_B_Lab*

    Rispondi
  19. Aderisco al progetto come studente e come collaboratore di Officina Emilia
    Gilberto Mazzoli, studente in Storia dei Conflitti, Università di Modena

    Rispondi

  20. Simona Summa

    10 agosto 2012

    Aderisco al progetto

    Rispondi

  21. Alberto

    25 agosto 2012

    Aderisco al progetto. Alberto Franchini: Partner e-2, Società di Consulenza Direzionale.

    Sono tra gli ideatori di Facciamoadesso (http://www.facciamoadesso.it/il-progetto) e, dopo questa esperienza volontaria con cui abbiamo cercato di dare un piccolo contributo nell’immediato, con i miei soci ed altri partner ci stiamo interrogando proprio in questo periodo su come poter dare un contributo a ripensare il modo di fare impresa ed i modelli di business del nostro territorio.
    L’esperienza di Facciamoadesso, ad esempio, mi ha “obbligato” a prendere atto del fatto che nel 2012 il nostro tessuto imprenditoriale (ed associativo!) guarda ancora con diffidenza, sufficienza e incapacità di comprendere le opportunità offerte dalle (ormai non più nuove) tecnologie.
    Socialità, reattività, personalizzazione, adattamento al cambiamento, competenza, abilità, relazione …. sono stati elementi fondamentali del successo delle nostre imprese.
    Possono ancora esserlo ma in un mondo diverso e più grande.

    “Ricostruiremeglio” forse può essere una comunità dove trovare altre persone con cui confrontarsi e progettare.

    E il passaggio Facciamoadesso -> Ricostruiremeglio ….. suona proprio bene. Forse non sarà un caso 😉

    Rispondi
  22. aderisco al progetto, come assessore comunale di Cavezzo e come cittadina fiduciosa nella buona pratica del confronto costruttivo.

    Rispondi

  23. Alfredo Pucci

    13 settembre 2012

    Aderisco al progetto

    Rispondi

  24. Alfredo Pucci

    14 settembre 2012

    Aderisco al progetto, come studente dell’Università di Modena e Reggio Emilia.

    Rispondi
  25. Aderisco con entusiamo al progetto
    Vicepresidente di Well_B_Lab*

    Rispondi

  26. Anna Francesca Pattaro

    3 ottobre 2012

    Aderisco al progetto.
    Anna Francesca Pattaro, Università di Modena e Reggio Emilia

    Rispondi

  27. Stefania Saltini

    8 ottobre 2012

    Aderisco al progetto.
    Socia Well_B_Lab* – Il valore del benessere – Spin off Università di Modena e Reggio Emilia

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: